Joost Swart – Max Rolff – Daviano Rotella Trio

* Esclusiva BlueArt e MRM *

JOOST SWART, è indubbiamente il pianista più interessante della nuova scena olandese. Cresciuto musicalmente a fianco dei grandi pianisti olandesi quali Jasper van‟t Hof, Michael Borstlap e Henk Meutgeert, si diploma con il massimo dei voti al Conservatorio di Musica Jazz di Groningen. Fondatore del quartetto della celebre cantante olandese Francien van Tuinen nel 1997, raggiunge presto la popolarità a livello nazionale, ed è presente per cinque anni di fila al all‟importante North Sea Jazz Festival.
Dopo un intenso periodo sulla scena newyorkese entra a far parte della band di Vincent Herring, con cui è in tour europeo nel 2005, attraverso i festival e i teatri più importanti del continente. Sempre nel 2005 pubblica il suo atteso album da leader con il gruppo “Tetra” che riceve una grande visibilità nel circuito del jazz europeo. Nel 2008 incide l‟album “Symbiosis” come solista principale insieme ad un‟orchestra di 14 elementi su musica di Claus Ogerman. Negli ultimi anni è stato protagonista di numerosi tour in Giappone e sud est asiatico a fianco di molti musicisti quali Benjamin Herman, Jesse van Ruller, John Engels, Hans Dulfer, Rick Margitza, Vincent Herring, Don Braden, Valery Ponomarev, Freddie Bryant and Ralph Peterson.
Il trio si completa con due esperti musicisti della scena italiana, il genovese Massimiliano Rolff al contrabbasso e Enzo Carpentieri alla batteria. In repertorio, a metà strada fra modernità e mainstream, brani originali di Swart e jazz standard.

MASSIMILIANO ROLFF – Double Bass
Nato a Savona nel 1973, si è diplomato presso il Jazz Conservatory della città di Groningen nei Paesi Bassi nel 1999 Come bassista freelance ha suonato in molti prestigiosi clubs e festival d’ Europa e Stati Uniti con Jesse Davis, Herb Geller, Dave Schnitter, Peter King Phil Woods, Sangoma Evertt, Andrea Pozza, Rachel Gould, Emanuele Cisi, Enzo Zirilli, Claudio Chiara, Andy Gravish, Jasper van’t Hof, Alessio Menconi, Marco Tamburini, Andrea Dulbecco, Tino Tracanna, Carlo Atti, Tom Kirkpatrick, e altri. Nel 2003 ha pubblicato, come co-autore e bassista, il fortunato album “Next Beat” per l’etichetta Scenario Music. Nel 2006 ha pubblicato il suo primo album jazz come contrabbassista, leader e compositore “Unit Five” (Music Center – distr. IRD), e nel 2009 ha pubblicato l’album “Naked” con Cisi, Pozza e Zirilli e nel 2012 il nuovo lavoro con Unit Five “More Music”


DAVIANO ROTELLA – Drums
Daviano Rotella nasce a Genova il 19/12/1965.
Nel 1981 inizia studi regolari presso la “Scuola Jazz di Quarto” ed entra in forma stabile nella Big Band della stessa diretta da Claudio Lugo, rimanendovi fino al 1985. Negli stessi anni partecipa a workshop condotti da musicisti quali Charlie Haden, Dave Liebman, Enrico Rava, Roberto Gatto e altri.
Prosegue gli studi frequentando diversi clinics e stages fra cui “Umbria Jazz” e “Siena Jazz”. Dal 1990 al 1993 è batterista della “Jazz Ambassadors” di Imperia diretta da Leo Lagorio e negli anni seguenti della “Factory Orchestra” diretta da Claudio Lugo. Svolge una ricca attività concertistica prevalentemente nell’ambito della musica jazz e latino americana, suonando nei principali festival jazz e nei più importanti jazz club italiani. Suona anche in ambiti musicali diversi, come il rock, la fusion e la musica leggera.
Ha lavorato in diverse performance teatrali con Roberto Alinghieri, Federica Granata e Orietta Notari.
Ha insegnato batteria presso la Scuola Civica di Genova Sampierdarena e presso il centro specializzato “Drum Club” di Genova e tuttora svolge attività didattica.
Ha collaborato con numerosi musicisti tra cui Riccardo Zegna, Piero Leveratto, Giovanni Tommaso, Rosario Bonaccorso, Emanuele Cisi, Flavio Boltro, Luigi Bonafede, Paolo Silvestri, Luciano Milanese, Victor Boourgardt, Jimmy Woody, Paolino Dalla Porta, Claudio Lugo, Giorgio Conte, Bruno Lauzi, Franco Cerri, Tino Tracanna, Giancarlo Schiaffini, Andy Gravish, George Garzone, Marco Tamburini e altri.
Si sono occupati di lui le riviste “Musica Jazz” e “Percussioni” con articoli e recensioni.
Vince il “Premio Calabria per lo spettacolo 1995” (settore jazz), dedicato a Rino Gaetano.
E’ stato ospite della trasmissione radiofonica “Radio Suite” su Rai Tre insieme al gruppo Viramundo.

Album “After Dark”

  1. Genova After Dark
  2. Drifting
  3. Cool And Happy
  4. Tokyo
  5. Lunch Break Sketch
  6. Dolphin Dance
  7. When Will The Blues Leave?
  8. Stones and Memories

“After Dark” Joost Swart – Max Rolff – Daviano Rotella Trio

Liner Notes
La musica Jazz è viva, e sta bene!
Nonostante il fatto che questa musica venga spesso descritta come “una cosa per pochi eletti”, o addirittura in alcuni casi come una realtà defunta, il numero degli amanti del jazz è in crescita, così come il numero di eventi e di festival in tutto il mondo.
Il merito di questo va ovviamente a quei pochi grandi maestri ancora attivi oggi, così come a quei giovani e talentuosi musicisti che riescono a portare una ventata di freschezza e di attualità creativa a questa musica.
Nella musica di questo CD ne è racchiusa la prova: tre musicisti che prima di tutto amano e rispettano la tradizione, che non hanno paura di swingare forte, ma che allo stesso tempo lasciano brillare le loro personalità e le loro esperienze personali liberamente.
Il pianista Joost Swart, olandese, il contrabassista Massimiliano Rolff ed il batterista Daviano Rotella, entrambi genovesi, vivono a oltre mille chilometri di distanza … e non dimentichiamo che in Europa è una distanza considerevole, specialmente se si tiene conto delle culture e delle tradizioni … ma ecco che questa distanza svanisce nel momento in cui i tre musicisti toccano i loro strumenti e cominciano a dialogare con il linguaggio universale della musica.
Tutte le frontiere spariscono e comincia una meravigliosa conversazione, condita da un sapiente mix di composizioni originali come “Genova after dark” e “Tokyo” affiancati a magistrali standards come “Dolphin Dance” e “When will the blues leave?”.
Attraverso questa musica, Swart, Rolff e Rotella ci coinvolgono in una serie di atmosfere che variano dalla ballad sognante ai fast-swing più spietati, mantenendo alta la tensione e accarezzando i diversi aspetti del nostro animo.
Ma la cosa più importante che emerge ascoltando questo album, è che questi “ragazzi” amano la vita, e sopratttutto si divertono suonando … esattamente come fecero Duke Ellington, Louis Armstrong, Count Basie, Dizzy Gillespie, Oscar Peterson, Art Blakey, Herbie Hancock, Chick Corea, Roy Haynes … già … una compagnia proprio … niente male!

Dado Moroni

Booking
Joost Swart Trio è disponibile per booking. Per informazioni info@blueartmanagement.com